“Nel mare ci sono i coccodrilli” di Fabio Geda e “La cotogna di Istanbul” di Paolo Rumiz

12 Ott

In onda Martedì  12 ottobre alle ore 20 – e in replica Domenica 17 ottobre alle ore 13 –  su Radio San Donà 102.200, Overbooking!

DOWNLOAD HERE (click destro “salva con nome”) or STREAMING HERE

 

Proseguono le interviste realizzate al Festivaletteratura di Mantova in esclusiva per Overbooking. In questa puntata accogliamo due autori accomunati dal viaggio come ricerca e scoperta dell’altro. Fabio Geda con il suo “Nel mare ci sono i coccodrilli – Storia vera di Enaiatollah Akbari” e Paolo Rumiz con “La cotogna di Istanbul – Ballata per tre uomini e una donna”.

  • Titolo: Nel mare ci sono i coccodrilli – Storia vera di Enaiatollah Akbari
  • Autore:  Fabio Geda
  • Editore: Baldini Castoldi Dalai editore
  • Anno di Pubblicazione: 2010

La storia di Enaiatollah Akbari inizia in Afganistan e termina a Torino. Inizia con un camion che si rivolta per strada e con il suo carico che va perduto, con il padre  di Enaiatollah che muore in quell’incidente  e con suo figlio che diventa il risarcimento per un ricco signore. Il viaggio termina a Torino, una nuova casa, una nuova vita, un nuovo inizio. In mezzo c’è un viaggio di migliaia di chilometri, a piedi, in auto, di nascosto con mezzi di fortuna. In mezzo c’è Il Pakistan, l’Iran, la Turchia la Grecia e l’Italia. Un’odissea che lo ha messo in contatto con la miseria e la nobiltà degli uomini, e che, nonostante tutto, non è riuscita a fargli perdere l’ironia né a cancellargli dal volto il suo formidabile sorriso. Nell’intervista che ci ha concesso, Fabio Geda ci parla della genesi di questa storia e della difficoltà per uno scrittore di trovare la voce per poter raccontare una storia così intensa.

  • Titolo: La cotogna di Istanbul – Ballata per tre uomini e una donna
  • Autore:  Paolo Rumiz
  • Editore: Feltrinelli
  • Anno di Pubblicazione: 2010

Paolo Rumiz torna a parlare di Balcani attraverso una ballata – con la scelta inusuale di recuperare una forma poetica ormai quasi scomparsa dal mercato editoriale. E’ l’inverno del 1997 e Maximilian viene mandato a Sarajevo per un sopralluogo di lavoro. Lì incontra Masa Dizdarevic, bellissima e selvaggia, splendida e inaccessibile, vedova e divorziata. L’attrazione che nasce tra loro non ha tempo e modo di concretizzarsi, Max deve tornare in patria: cerca subito di rimettersi in contatto con lei, ma passano tre anni – tre anni in cui i versi della canzone d’amore che Masa gli ha cantato a Sarajevo, quella della leggendaria cotogna gialla, non hanno smesso di risuonare dentro di lui – prima che la ritrovi, malata. Max cerca di aiutarla a guarire, ma inutilmente. Per vincere la solitudine e la malinconia, l’amico Peter Kern gli consiglia di fare un viaggio. Max torna nei luoghi di Masa e conosce anche il suo secondo marito, il padre delle figlie. Tornato a casa, scrive un libro di grande successo in cui racconta il viaggio: a poco a poco il ricordo di Masa riaffiora sempre più prepotente, Max canta di nuovo la canzone della cotogna gialla, e chi la ascolta la raccoglie e la canta a sua volta finché la storia si fa leggenda, e tutti vanno a deporre fiori e frutti sulla tomba di lei. Max si sente privato di qualcosa che apparteneva a lui e a lui soltanto. Kern, con il quale si è confidato, gli dice che è arrivato il tempo di compiere il viaggio più importante, quello dentro il ventre di una donna, e di fare un figlio. Paolo Rumiz nell’intervista ci racconterà come mai ha scelto di far “cantare” ai suoi personaggi  e ai suoi lettori una ballata, e perché questo libro più che un testo scritto è una narrazione orale.

[a cura di Ferdinando Morgana]

Una Risposta to ““Nel mare ci sono i coccodrilli” di Fabio Geda e “La cotogna di Istanbul” di Paolo Rumiz”

  1. salvatore dicembre 21, 2010 a 7:06 pm #

    l’articolo sul “la cotogna di Istambul” di Ferdinando Morgane. E’ una bellissima recensione, esprime molto bene trama al punto di comprare il libro come strenna natalizia. grazie e Buone Feste

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: